Un Argo dai cento occhi”: conoscenza del sé e geneaologia in Umano, troppo humano

25/06/2015
Visto: 48 veces

Présidence : Maria Cristina Fornari

Secondo un luogo comune diffuso tra interpreti nietzscheani, Nietzsche assumerebbe una posizione scettica quanto alla possibilità di conoscere se stessi. Questa posizione, palese nelle ultime opere, risalirebbe almeno al periodo di Umano, troppo umano, se non persino al saggio inedito Su verità e menzogna in senso extra-morale. Per quanto quest’interpretazione non sia del tutto sbagliata, essa è incompleta. Al fine di dimostrare questa tesi, saranno operate delle distinzioni tra diverse nozioni del sé e diverse metodologie della conoscenza del sé. Tali distinzioni consentiranno poi di svolgere un’analisi del tema della conoscenza del sé in Umano, troppo umano, così come del ruolo centrale svolto dalla genealogia nell’acquisizione di tale conoscenza.

Paolo Stellino